03 Novembre 2021

Energia e Gas: Qualche segnale di cedimento dei prezzi, ma la strada è ancora lunga

Dopo la repentina crescita dei prezzi energia e gas (leggi qui l'articolo), finalmente qualche segnale di cedimento.

 

Nelle scorse settimane i prezzi all'ingrosso per le forniture a prezzo fisso 2022 si attestavano, per l'energia elettrica tra i 130 e 140 €/MWh, e per il gas metano tra i 55 e i 60 centesimi al metro cubo. Il 6 ottobre si era addirittura raggiunto un picco di oltre 187 €/MWh per l’energia e di oltre 80 centesimi al metro cubo per il gas. Se si guarda il breve termine, nel mese di ottobre il PUN medio si è attestato a 217 €/MWh (energia), mentre il PSV (gas) a 90 centesimi per metro cubo.

Valori doppi o tripli rispetto a quelli che si verificano in tempi “normali”, dove i prezzi oscillano tra i 50 e gli 80 €/MWh per l’energia e tra i 20 e i 30 centesimi al metro cubo per il metano.

 

Gli aumenti del prezzo dell’energia sono dovuti alla particolare condizione in cui si trova l’Europa ormai da alcune settimane: le riserve di gas naturale sono scarse, in una fase in cui i consumi stanno aumentando significativamente sia per l’arrivo della stagione fredda sia per la ripresa della produzione industriale, dopo i periodi più difficili della pandemia da coronavirus. Questa scarsità influenza anche il prezzo dell’energia elettrica infatti, ad esempio, in Italia circa metà della produzione elettrica dipende dal gas.

 

Ebbene, giovedì 28 ottobre il presidente Russo Vladimir Putin ha annunciato l’aumento delle esportazioni verso l'Europa, a partire da novembre. Questo parrebbe aver dato fiato alle quotazioni che hanno cominciato a dare qualche debole segnale di cedimento.

 

Difficile immaginare che si tratti di una vera e propria inversione di tendenza (che in realtà è prevista nei primi mesi del 2022), ma di certo era un segnale atteso: la permanenza di prezzi doppi o tripli rispetto quelli storici non è ritenuta sostenibile troppo a lungo, non solo per l'Italia, ma anche per tutta l’Europa, dove le fluttuazioni delle quotazioni sono analoghe. Per il 2022 è quasi impossibile non subire in bolletta le conseguenze dell’aumento delle quotazioni mondiali delle commodities, soprattutto se nel 2021 si stava godendo di un prezzo fisso, come nel caso dei clienti CEnPI. Di certo è possibile mitigare gli effetti con una corretta strategia di acquisto, senza farsi prendere dal panico o cadere nelle possibili trappole di prezzi fissati nel momento sbagliato.

 Servizi per Privati

Tanti vantaggi per la tua attività. Un unico referente per far crescere il risparmio.

Il consorzio rappresenta gli interessi della piccola impresa artigiana, ma anche di tutti coloro che intendono avere un referente qualificato, indipendente e, soprattutto, che sta dalla parte dei propri clienti, perchè per statuto ne tutela i diritti..... Leggi tutto

TUTTO PER I PRIVATI
 

 Servizi per Aziende

Tanti vantaggi per la tua attività. Un unico referente per far crescere il risparmio.

Il consorzio rappresenta gli interessi della piccola impresa artigiana, ma anche di tutti coloro che intendono avere un referente qualificato, indipendente e, soprattutto, che sta dalla parte dei propri clienti, perchè per statuto ne tutela i diritti..... Leggi tutto

TUTTO PER LE AZIENDE
 
Scopri con CEnPI
come risparmiare
subito
sulla
tua bolletta
energetica.

Richiedi subito un PREVENTIVO GRATUITO